Quali furono le motivazioni che spinsero Ibrahimovic a lasciare l’Inter nel 2010? Cosa pensa del calcio italiano? L’attaccante svedese dopo tanti anni torna a parlare della squadra nero blu che gli è sempre rimasta nel cuore. Zlatan Ibrahimovic, che attualmente gioca presso i Los Angeles Galaxy ha rilasciato un’intervista alla “Gazzetta dello sport” in cui ha parlato di quelli che sono le sue prospettive future nell’ambito calcistico e quello che invece è il suo passato, soprattutto nelle squadre italiane. 

Infatti, Ibrahimovic ha sottolineato come per lui, l’Italia sia un po’ la seconda casa e ha anche chiarito che difficilmente chiuderà la sua carriera al Malmo (Svezia). Potrebbe esserci un ritorno di fiamma all’Inter? Verrà al Napoli? Per adesso le parole di Ibra sono molto vaghe e questo sta facendo impazzare coloro che amano il calcio mercato e frequentano i siti di scommesse online.

Tutte le novità del futuro calcistico di Ibrahimovic

Ibrahimovic ha fatto capire che sta facendo un importante scelta per il suo futuro. A Los Angeles sostiene di trovarsi bene ma anche di aver bisogno di nuove motivazioni. Inoltre, ha anche raccontato di aver pensato di ritirarsi ma per adesso non ci sono decisioni ufficiali in questo senso. Del resto, fare il calciatore a 30 anni significa lavorare molto sul proprio corpo, come lui stesso ha spiegato. 

Le sue parole sono state anche indirizzate verso Napoli in quanto secondo lui, potrebbe essere bello vivere tale esperienza calcistica con il caloroso pubblico partenopeo. Ibra ha spiegato anche come Conte lo affascini molto professionalmente, perché gli sembra un ottimo allenatore per intraprendere la strada del successo. Il suo mister preferito però, ha sottolineato come resterà sempre Mourinho che ha avuto un impatto importante della sua carriera.

Il passato di Ibrahimovic all’Inter

Ibrahimovic ha anche raccontato quello che è stato il suo passato all’Inter. Ha detto che si trasferì a Barcellona perché voleva intraprendere questo nuovo obiettivo di vincere la Champions League però si è un po’ snaturato come giocatore. Ha sottolineato di voler bene molto a Moratti, ex presidente, che è una persona davvero speciale e che ha un po’ di rimpianto per essere andato via da quella società in tal modo.

Anche raccontato aneddoti in merito alla sua esperienza con alcuni giocatori attuali dell’Inter. Ibra ha sostenuto anche che secondo lui, di neroazzurri sono sempre in crescita e spiega come di fatto, ha un ottimo rapporto soprattutto con alcuni giocatori come Icardi e Lukaku